Prodromo giorno VII – 22 ottobre

Agia Ekaterini – Omalos

Ultimo giorno di cammino del Prodromo. Dopo la bella notta sotto la luna piena, con il sacco a pelo su un letto di aghi di pino, eccoci partire di buon’ora per uno dei sentieri piu’ belli dei Monti Bianchi. E’ il sentiero dove non si incontra mai nessuno, che sale in una valle che ha molto di magico, il fondo di un fiume secco, che sale da quota 900 a quota 1600, in un bosco di querce spinose, cipressi e aceri sempreverdi. E’ Achlada. E nella parte alta ci sono i mitato (stazzi di pastori), ma in questo periodo non ci sono pastori, solo pecore e capre.

Poi dopo l’ultimo mitato si sale a mezzacosta un’altra valle piu’ ripida, non c’e’ piu’ vegetazione, solo sassi, rocce, il sentierino in certi punti e’ largo dieci centimetri, si cammina come equilibristi su ghiaia instabile. Ma saliamo sicuri, ci fidiamo dei nostri piedi. A 1700 di quota ci si affaccia sulla gola di Tripiti, dall’alto. Maestosa, impressionante, troppo grande per noi piccoli umani. E qui inizia un mezzacosta fatto di strettoie a strapiombo, passagi con corde fisse, scalette di ferro, paesaggio dolomitico. E, come sempre in questi casi, nebbia e pioggerellina fitta. Alla sella sotto il monte Gigilos inizia la discesa. Nessuna voglia di andare in cima, l’umidita’ entra nelle ossa. Ma siamo felici ,anche la tappa di oggi era difficile, e l’abbiamo camminata senza fretta, ma a buon passo, con il piacere di essere qui.

Ora siamo a Omalos, nell’albergo Neos Omalos, a cenare con boureki (sformato di patate, zucchine, formaggio e menta), horta (cicorie selvatiche), fagiolini in umido.

E il cammino del Prodromo e’ concluso. Domani si va a Chania in bus, e mentre gli altri visitano la citta’ e approfittano di questa giornata di riposo per fare un rientro piu’ lento, decompressione per evitare lo schock del ritorno, io comicio a preparare il CamminaCreta. Fare il nuovo zaino, affittare un’auto per spostarmi a Est, fare i contratti per il collegamento internet e per una sim greca.

Un ringraziamento ai miei 5 compagni di viaggio, Lauretta, Alberto, Enza, Laura e Gherardo, perche’ mi sono stati vicini in questi giorni in modo tranquillo e sereno, ottimi camminatori, e buoni viaggiatori.

E grazie a tutti quelli che hanno mandato saluti e commenti positivi, e’ bello sapere che tante persone ogni giorno si collegano a questo blog.

Appuntamento tra 2-3  giorni!

Un pensiero su “Prodromo giorno VII – 22 ottobre

  1. Un caro saluto a tutti,a te e ai tuoi compagni per esserti stati vicino,e un augurio a tutti per le belle esperienze che state facendo.un abbraccio.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...